Locorotondo | Tempesta Autoservizi
17134
post-template-default,single,single-post,postid-17134,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Locorotondo

Locorotondo spicca sull’altopiano delle Murge dei Trulli con l’affascinante abitato circolare dalle caratteristiche case bianche. 

Tra i Borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione Touring Club Italiano, Locorotondo è arroccata su un altopiano nell’area sud-orientale delle Murge dei Trulli, nel cuore della Valle d’Itria, a meno di 10 km da Alberobello.

Lo stesso nome indica la caratteristica forma circolare del centro antico del paese, sorto attorno all’anno mille, costituito da un insieme di casupole che gli agricoltori edificarono sulla sommità del colle, tra cui le tipiche “cummerse”, casette dal tetto spiovente.

Tra la distesa di case bianche del centro storico, completamente bianco, svettano i campanili delle tante chiese, tra cui la Chiesa dell’Addolorata, dello Spirito Santo, di San Nicola, di San Rocco e della Madonna della Catena. All’interno della Chiesa di Santa Maria della Greca è conservato un polittico rinascimentale intitolato alla Madonna delle Rose e il gruppo scultoreo di San Giorgio a cavallo.

La strada del vino che attraversa la Valle d’Itria tocca anche Locorotondo, patria di un ottimo vino bianco Doc.

Da non perdere

  • Chiesa Madre di San Giorgio. La chiesa celebra San Giorgio Martire con un grandioso prospetto neoclassico e il prezioso apparato decorativo rinascimentale e barocco. La grandiosa facciata neoclassica ospita nel timpano una raffigurazione in rilievo di San Giorgio con il drago e ai due angoli, più in basso, le statue dei Santi Pietro e Paolo.
  • Palazzo Morelli. Sulla facciata principale dell’edificio spicca il fastoso portale riccamente decorato, su cui campeggiano lo stemma della famiglia e una maschera benaugurale. Degni di attenzione e ancora ben conservati, sono anche gli splendidi balconcini che recano le caratteristiche ringhiere in ferro battuto a petto d’oca, caratteristica peculiare di molte costruzioni barocche del Sud Italia.
  • Ecomuseo di Valle d’Itria. Il museo diffuso è un viaggio nell’ambiente e nella cultura della Valle d’Itria che racchiude anche le tradizioni artigianali e le tipicità enogastronomiche.

Gastronomia

Locorotondo rientra nell’itinerario delle Strade del Vino in Puglia che attraversa la Valle d’Itria ed è la patria di uno dei vini bianchi più promettenti di tutta la Puglia. Il Locorotondo Doc è un delizioso vino da pasto bianco, dal profumo intenso e persistente e dal sapore secco e morbido, con sentori di pesca e biancospino. È ottimo per accompagnare saporiti piatti di pesce e le pietanze tradizionali della Valle d’Itria.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.